Archivio mensile:luglio 2016

Antananarivo e le sue colline sacre

La capitale del Madagascar, Antananarivo, è una città eccezionale per diversi aspetti. E’ nel 1610 che la città acquista questo statuto di capitale dell’Imerina. Il suo nome le è stato affibbiato in seguito alla vittoria del re Andrianjaka e dei suoi mille uomini nell’arco della conquista della collina di Analamanga.

Analamanga

Antananarivo è una città dal ricco passato storico. Lo testimoniano le numerose vestigia che è possibile visitare durante le nostre peregrinazioni. Cominciamo la nostra visita dalla città alta con viaggio-madagascar.com, situata sulla collina di Analamanga, la più alta delle 12 colline reali. Sita a più di 1430 m di altitudine, essa è dominata dallo splendido palazzo della regina, o Rova di Manjakamiadana.

Ambohimanga

La collina di Ambohimanga è anch’essa un luogo importante. Il palazzo che vi è eretto è un monumento classificato patrimonio mondiale dall’Unesco. Il sito è preservato particolarmente bene, soprattutto il muro esterno il cui l rivestimento è a base di uova.

Ilafy

La terza collina, quella di Ilafy, veniva una volta chiamata Ambohitrakanga, o la collina delle faraone. Il re Radama II vi è stato inumato prima di venir trasferito a Manjakamiadana. Possiamo visitarvi un museo che ripercorre il passato di questa vecchia città reale.

Ambohidratrimo e Alasora

Sulla collina di Ambohidratrimo, rimangono solo rare tracce dell’antico fasto che qui regnava. Tuttavia, una scultura che rappresenta la fecondità femminile costituisce oggi un luogo sacro per numerosi malgasci che vi vengono a fare delle offerte. È il caso anche di Alasora e del sepolcro di Andriamanelo. Vi si tiene ogni anno una cerimonia, durante la quale viene sacrificato uno zebù.

Ambohimalaza

Una volta, Ambohimalaza era usata per il rituale dei bagni reali. In questo luogo inoltre è stato sacrificato il primo zebù. Le altre sei colline sono altrettanti luoghi ricchi di storia, che meritano a loro volta di essere visitati, sia per le vestigia che per la bellezza dei luoghi.