L’Isola dai mille profumi: andiamo in Sri Lanka

Un’Isola che profuma di tè e di cannella, che riempie gli occhi dei suoi splendidi paesaggi marini e lascia stregati per la monumentale bellezza dei siti archeologici. Sri Lanka è un posto dove la gente sorride alla vita, grata nonostante tutto, la natura si offre fiera e generosa e ovunque si respira spiritualità e devozione.

Il difficile cammino dello Sri Lanka

Rimasta per anni isolata e interdetta al turismo a causa di un conflitto civile fra i più sanguinosi combattuto fra il gruppo secessionista delle Tigri Tamil e le forze del governo centrale, nel 2009 lo Sri Lanka ha ufficialmente dichiarato lo stato di pace e siglato così la sua resurrezione o almeno l’intenzione di riconquistare l’energia perduta e di mostrare un nuovo volto al resto del mondo.

Un percorso che in breve tempo ha portato il Paese a raggiungere la stabilità politica e a beneficiare di una robusta crescita economica, favorita da una serie di riforme volte a stimolare l’aumento della produttività e la diversificazione.

Fra i settori responsabili dello sviluppo, sicuramente il turismo è quello che negli ultimi anni ha dato al Paese le maggiori soddisfazioni, con un aumento dei flussi provenienti dall’estero che dal 2004 ad oggi è quasi quadruplicato.

Quando partire, dove alloggiare: suggerimenti per un viaggio in Sri Lanka

Trovandosi poco a nord dell’Equatore, lo Sri Lanka ha un clima tropicale caldo e umido tutto l’anno, con piogge frequenti provocate sia dal monsone sia dai due passaggi del sole allo zenith ad aprile e a ottobre.

Due i picchi massimi di piovosità: il primo, ad aprile e maggio, coinvolge soltanto sud-ovest e zone interne, mentre il secondo, tra ottobre e dicembre, investe tutto il Paese. Molto dipende dunque da quale zona s’intende perlustrare; volendo muoversi liberamente senza limitazioni di sorta, il periodo ideale è sicuramente quello della stagione secca, compreso fra dicembre e marzo.

Per quanto riguarda la tipologia di alloggio da preferire, in Sri Lanka si può contare su standard qualitativi piuttosto elevati e soprattutto su un’offerta completa e variegata: dall’ostello supereconomico al resort di lusso, dal bungalow sulla spiaggia alle sistemazioni accoglienti e ‘familiari’ in simpatiche guest house.

Sri Lanka, tre luoghi simbolo del Paese

Cosa visitare durante un viaggio in Sri Lanka? Di seguito 3 località assolutamente da non perdere.

  • ARUGAM BAY

Lo Sri Lanka è pieno di spiagge favolose e paesaggi da sogno. Una su tutte, Arugam Bay, luogo emblematico della rinascita singalese dopo il maremoto che ha sconvolto l’Isola nel dicembre del 2004.

Scampata miracolosamente all’invasione dei turisti che hanno decretato lo Sri Lanka come una delle destinazioni più in voga del continente asiatico, la spiaggia di Arugam, distante dal caos e immune all’omologazione occidentale, interpreta il mood semplice e sportivo della comunità di surfisti per la quale è da sempre un luogo di elezione: sistemazioni spartane e ristoranti biologici punteggiano l’unica strada adiacente alla spiaggia, mentre i turisti si mescolano alla gente del posto socializzando con i pescatori autoctoni e con le loro famiglie.

  • KANDY

Ogni itinerario alla scoperta dello Sri Lanka che si rispetti non può assolutamente prescindere da Kandy. Situata su una collina al centro del Paese e circondata da coreografiche piantagioni da tè, la capitale dell’antico regno dello Sri Lanka è il risultato di un’armonica combinazione di natura e architettura. Peculiarità che le hanno valso l’inclusione nel Patrimonio dell’Umanità da parte dell’Unesco.

Suo fiore all’occhiello, il Temple of the Tooth che ospita il famoso Sacro Dente di Buddha, in assoluto una delle reliquie più care al popolo buddhista. Ogni anno, nel mese di agosto, un gran numero di visitatori affolla la cittadina per partecipare all’Esala Perahera Festival, una delle feste religiose più acclamate di tutta l’Asia.

  • COLOMBO

Il nostro racconto di viaggio deve necessariamente concludersi con un richiamo alla capitale cingalese, in cima alla classifica delle città al mondo per la crescita esponenziale del numero di visitatori internazionali fatta registrare di recente.

A lungo trascurata da turisti e viaggiatori a favore di altri luoghi del Paese, Colombo veniva spesso solo ’sfiorata’ dopo l’atterraggio all’aeroporto e considerata dai più un territorio di passaggio in attesa di ritornare in patria. Eppure Colombo è una città dai mille volti, un compendio affascinante ed emblematico delle diverse identità del Paese che, anche solo per questo motivo, non andrebbe sacrificata.

Se l’antica eredità di porto commerciale fra Oriente e Occidente si riflette inevitabilmente nell’architettura della città, gli edifici coloniali si alternano ai grattacieli e ai centri commerciali, così come chiese, moschee e templi indù si mescolano con affollati e caotici mercati cittadini.

Tra le cose più meritevoli di attenzione, il National Museum of Colombo, il tempio buddhista di Gangaramaya e il Parco di Viharamahadevi. L’ottimo cibo offerto dai ristoranti cittadini è anch’esso espressione delle tante culture del Paese e non vi farà di certo rimpiangere le prelibatezze occidentali.

Lo Sri Lanka è un Paese in continua evoluzione, dove ogni anno si mettono in luce nuovi luoghi d’interesse magari precedentemente tralasciati. Rivolgersi a un’agenzia di viaggio di fiducia significa anche essere sempre aggiornati sulle opportunità più recenti e le tendenze emergenti.

Comments

comments

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


*