Milano-Bologna: le principali soluzioni per il trasporto ferroviario

Quello tra Milano e Bologna è il tipico trasporto transregionale che coinvolge una massa particolarmente ingente di pendolari, con cadenza quotidiana e praticamente a ogni ora del giorno. Proprio per questo motivo, soprattutto nei giorni feriali, l’offerta di trasporti in treno Milano-Bologna sono tanto numerose quanto diversificate, sia per tipologia di accoglienza che per prezzo, fino a investire anche il discorso della durata del viaggio. Scopriamo insieme quali sono le soluzioni migliori per coprire la tratta Milano-Bologna nel più breve tempo possibile.

Sulla tratta Milano-Bologna dominano i treni di ultima e penultima generazione: in altre parole, sono i Frecciarossa e gli Italo a dettare l’agenda dei collegamenti tra le due principali stazioni della città (segnatamente Milano Centrale e Bologna Centrale). Più precisamente, il Frecciarossa entra in servizio alle 5:00 e copre il tragitto in circa un’ora, in alcuni casi senza fermate intermedie, in altri con un paio di stazioni di transito (Milano Rogoredo e Reggio Emilia, in questi casi la durata del viaggio si allunga di circa una decina di minuti). Per quanto riguarda Italo, la prima partenza da Milano Centrale è fissata alle 5:35, e la durata del viaggio è grossomodo la stessa del Frecciarossa. A variare è soprattutto il costo del viaggio, dal momento che le due compagnie adottano politiche differenti. Infatti Italo modula i costi dei propri biglietti a seconda della distanza temporale tra la data di prenotazione e quella di partenza: più questa è ampia e minore sarà il costo di un biglietto. Per quanto riguarda Frecciarossa, invece, a fare la differenza è soprattutto la tipologia di servizio: un biglietto in classe Executive può arrivare a costare 120 euro, ma uno standard non arriva a 50.

La massiccia presenza di Italo e Frecciarossa lungo la tratta Milano-Bologna finisce sostanzialmente per fagocitare le altre soluzioni su ferro, che pure esistono. Pertanto, chi (legittimamente) desidera risparmiare qualche decina di euro, può rivolgersi a servizi più economici; come il Frecciabianca a 34,50 euro per una seconda classe, o il regionale veloce a 16,80 euro. Unico inconveniente: la sostanziosa dilatazione dei tempi e – soprattutto nel secondo caso – la presenza di un ingente numero di stazioni di transito.

Comments

comments

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


*